• LOGIN
     

    Autenticazione

    • Utente
    • Password
     

"Come cristiani, non possiamo essere chiusi in noi stessi,
ma sempre aperti agli altri, per gli altri" (Papa Francesco)

Ultime Notizie

I Video di Slaves no More: testimonianze, eventi, la storia dell'Associazione




LIBRI

Direttivo

Il Direttivo di Slaves no More è composto da:

 

Pino Gulia
Presidente dell'Associazione


 

Eletto Presidente dell'associazione da settembre 2021, ha lavorato dall’inizio degli anni ottanta in Caritas diocesana di Roma (all'epoca guidata da Mons. Luigi Di Liegro). Nel 1988 è stato chiamato in Caritas italiana con l'incarico di seguire il fenomeno migratorio in Italia e in Europa. È in questo contesto che, dal 1995, ha cominciato ad affrontare la problematica della tratta. Nominato responsabile del Coordinamento ecclesiale contro la tratta, ha partecipato all'evolversi della lotta al fenomeno, della nascita di numerose strutture di accoglienza per le vittime, della nascita dell'art. 18 nel Testo Unico Immigrazione dedicato appunto alla lotta e alla prevenzione della tratta e alla salvaguardia delle vittime.  Nel 2002 è stato chiamato dal presidente nazionale delle Acli per avviare e coordinare il Servizio Immigrati all'interno della sede nazionale del Patronato Acli e promuovere gli Sportelli immigrati nelle Sedi provinciali.
Dal 2004 è consulente della Missione Permanente della Santa Sede per gli Organismi Internazionali a Vienna, per il trafficking in persons.

 

Sr. Eugenia Bonetti


 

Missionaria della Consolata, fondatrice dell'associazione (2012) Slaves no more (Mai più schiave) a difesa di donne vittime di violenza e di tratta di esseri umani e presidente dal 2012 a agosto 2021. Inviata in Kenya nel 1967, vi resta per 24 anni, nelle diocesi di Nairobi, Meru, Nyeri e Murang’a. Lavora nei settori dell’educazione e formazione di catechisti e insegnanti, oltre che nella pastorale parrocchiale e vocazionale, con un occhio di riguardo per giovani e donne. Tornata in Italia negli anni ‘90, lavora, prima, in un Centro di ascolto e accoglienza Caritas, a Torino, con donne immigrate, molte delle quali vittime della tratta di esseri umani; poi, a Roma negli uffici centrali dell’Unione Superiore Maggiori d’Italia (USMI), settore «Tratta donne e minori». Collabora da anni con religiose nigeriane per il reintegro soci-lavorativo delle donne vittime di tratta e sfruttamento. Nel 2019 chiamata da Papa Francesco per scrivere le meditazioni della Via Crucis del venerdì santo al Colosso. Autrice di vari libri e pubblicazioni.
 

Sr. Monica Chikwe


 

Vicepresidente dell'Asociazione da settembre 2021. Consorella delle Suore ospedaliere della Misericordia. Per anni ha rappresentato le religiose che lavoravano contro il traffico e lo sfruttamento di persone nel network RENATE (Religious in Europe Networking Against Trafficking And Exploitation). Dal 2012 membro di Slaves no More, con ruolo nel direttivo. Dal 2000 collabora con l’USMI nella lotta alla tratta di esseri umani, con un occhio particolare alle ragazze e donne vittime di sfruttamento sessuale. Con Slaves no more ha contribuito alla nascita del progetto dei rimpatri volontari ed assistiti. Collabora con il network di religiose nigeriane contro la tratta di esseri umani. Con l’associazione ha anche sviluppato il servizio di sostegno alle ragazze in Ambasciata nigeriana per l’ottenimento di documenti.
 

Francesco Carchedi



 

Docente presso il Dipartimento di Scienze Sociali-Politiche e Scienze del Servizio sociale, già consulente del Dipartimento delle Pari Opportunità-Presidenza del Consiglio per gli interventi di protezione delle vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, lavorativo ed accattonaggio. Studioso di fenomeni correlati all’immigrazione straniera e alle forme di vulnerabilità sociale ed economica. Da qualche anno collabora con l’Osservatorio Placito Rizzotto-Flai CGIL alla redazione del Rapporto “Agromafie e caporalato”, nonché al Progetto INCIPIT della Regione Calabria sull’emersione e protezione delle vittime di sfruttamento a livello regionale.
Autore di varie pubblicazioni sul fenomeno migratorio e sul fenomeno della tratta.

 

Oria Gargano


 

Laureata in “Scienze Politiche” presso l’Università “Sapienza” di Roma e specializzata in “Scienze della Comunicazione” presso l’Università LUISS, ha poi conseguito il Master in “Studi di Genere e Politiche di Pari Opportunità” presso “Alma Mater”. Attualmente è Presidente di BeFree Cooperativa Sociale contro tratta, violenza, discriminazioni, da lei fondata nel 2007 insieme ad altre collaboratrici. È stata esperta italiana presso l’Osservatory of Violence Against Women del European Women Lobby (Bruxelles), si occupa da molti anni di sostegno alle donne vittime di violenza e di tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento. E’ stata la responsabile di centri di antiviolenza nel territorio di Roma. E’ formatrice sui temi legati alla sua attività in ambito accademico. E’ inscritta all’albo dei giornalisti di Lazio e Molise. E’ autrice di diversi libri e saggi sul tema della violenza di genere e il traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento.
 

Alessandro Baldo


 

Esperto in migrazione e cooperazione internazionale.
Fondatore e Responsabile Progettazione di Fondazione Soleterre, consulente senior Progetti per SIMN Scalabrini International Migration Network - Ufficio Regionale di Sviluppo per Europa-Africa. Docente da 12 anni al Master "Immigrazione, genere, modelli familiari e strategie di Integrazione" Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali (Prof.ssa Annarita Calabrò).


 

Segreteria organizzativa
Francesca Romana Cocchi



 

Dal 2017 segretaria dell'associazione Slaves no More. Si è sempre interessata di diritti delle donne ed empowerment femminile. Laureata in scienze politiche e diritti umani all'Università degli Studi di Padova ha collaborato con il Comune di Bergamo nell'ufficio pace e cooperazione. Dopo un master in progettazione ha lavorato nell'ufficio Formaper della Camenra di Commercio di Milano e presso il Coordinamento Italiano della Lobby Europea delle Donne.