• LOGIN
     

    Autenticazione

    • Utente
    • Password
     

"Come cristiani, non possiamo essere chiusi in noi stessi,
ma sempre aperti agli altri, per gli altri" (Papa Francesco)

Ultime Notizie

I Video di Slaves no More: testimonianze, eventi, la storia dell'Associazione




LIBRI

I Sindaci a favore dei diritti umani
05 gennaio 2019

di TIZIANA TESTA
("La Repubblica")



I sindaci contro il dl sicurezza. Orlando e De Magistris: "Non lo applichiamo". Salvini: "Ne risponderanno legalmente"

L'annuncio del primo cittadino di Palermo - che sospende il provvedimento bandiera del vicepremier leghista - scuote la politica. E apre una riflessione anche tra i primi cittadini. Nardella: "Non ci pieghiamo al ricatto del dl Salvini". Pizzarotti: "Con le nuove norme difficoltà nell'avere documenti". Falcomatà: "Chiediamo un incontro al Viminale". Il ministro dell'Interno: "Legge firmata da Mattarella".


Ha aperto una breccia, il sindaco di Palermo. Leoluca Orlando ha annunciato la sospensione, nella sua città, degli effetti del decreto sicurezza. In particolare - ma non solo - per quanto riguarda l'impossibilità di iscriversi all'anagrafe per i richiedenti asilo (con l'esclusione quindi da una serie di servizi sociali). "È disumano e criminogeno", dice Orlando. E poi rincara la dose: "Puzza di razziale". Orlando ha toccato un tasto dolente. Innescando reazioni politiche. E il consenso di altri sindaci. Per questo Salvini gli risponde in modo durissimo.

La reazione di Salvini: "I sindaci ne risponderanno".
"Con tutti i problemi della città, il sindaco sinistro pensa a fare disobbedienza", è stato il primo commento di Matteo Salvini. Più tardi torna ad attaccare ai microfoni di Radio 1 Rai: "Non farò mai azioni di forza, saranno gli elettori a giudicare l'operato dei sindaci". Ma questi ultimi "ne risponderanno personalmente, legalmente, civilmente, e penalmente perché è una legge dello Stato che mette ordine e mette regole". Sottolinea: "La legge è approvata dal governo, dal Parlamento, e firmata dal presidente della Repubblica. I sindaci hanno applaudito il discorso di Mattarella e contestano un decreto che ha firmato. Ricordo a questi sindaci di sinistra che prima dobbiamo pensare ai milioni di italiani poveri e disoccupati, difendendoli dai troppi reati commessi da immigrati clandestini, poi salveremo anche il resto del mondo". Ancora Salvini: "È normale che l'assistenza sanitaria sia gratuita per qualsiasi clandestino?

Poi difende l'intero provvedimento: "Sono curioso di capire se i sindaci rinunceranno anche ai poteri straordinari previsti dal decreto. E il decreto si occupa di antimafia. Questi sindaci forse non gradiscono che abbiamo raddoppiato il personale, i poteri e i mezzi dell'Agenzia per i beni confiscati alla mafia? Si occupa di sgombrare le case popolari occupate abusivamente; di non fare rientrare nei locali delinquenti e pregiudicati; dà più soldi e poteri alle forze dell'ordine".

 





Leggi anche:

Orlando sfida Salvini: «Sui migranti a Palermo non applico il decreto sicurezza»

De Magistris, apriamo porto a Sea Watch

Palermo, capitale dell'accoglienza: la grande lezione della Sicilia a tutta l'Italia

Il sindaco di Palermo, Orlando. «Atto istituzionale, non disobbedienza»

Il sindaco di Padova, Giordani. «Boom di irregolari. Giusto sospendere»

Lo scenario. Ecco le conseguenze giuridiche dei sindaci disobbedienti

Migranti. Palermo e Napoli: no alla «Legge Salvini». Obiezione umanitaria dei sindaci