• LOGIN
     

    Autenticazione

    • Utente
    • Password
     

"Come cristiani, non possiamo essere chiusi in noi stessi,
ma sempre aperti agli altri, per gli altri" (Papa Francesco)

Ultime Notizie

I Video di Slaves no More: testimonianze, eventi, la storia dell'Associazione




LIBRI

Bologna, rito animista "juju" per prostituire minorenni: ecco come funziona il traffico (Articolo di 'Repubblica')
18 marzo 2018

Tre nigeriani arrestati per tratta di esseri umani, immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione. La minorenne vittima dell'incantesimo doveva restituire 35 mila euro

La promessa di un lavoro come colf in Italia per aiutare la famiglia in Nigeria, poi il famigerato rito animista 'juju' per assoggettarla e farle credere di essere costretta a rispettare l'accordo. In questo modo, una 17enne nigeriana orfana di padre era stata portata in Emilia da una organizzazione specializzata nella tratta dei migranti e nello sfruttamento della prostituzione.

Lo ha scoperto la squadra Mobile di Bologna, che ha dato esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare in carcere (chieste dal Pm Stefano Orsi e firmate dal gip Letizio Magliaro) nei confronti di due sorelle nigeriane, Mabel Ohionmwonbar e Mary Odia, 24 e 36 anni, e del connazionale Frank Agbai, 38.


Le prime sono state arrestate a Castelfranco Emilia, nel Modenese, dove vivono, mentre l'uomo è stato preso a Castrovillari (Cosenza): rispondono di sfruttamento della prostituzione e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, ma sono indagati anche per tratta di esseri umani. L'indagine è partita nel maggio 2017 quando la ragazza, ora maggiorenne, si è rivolta alla onlus bolognese 'L'albero di Cirenè, che assiste per strada le vittime di sfruttamento e che l'ha messa in contatto con la Polizia.

Nella sua denuncia, la giovane ha raccontato di essere stata avvicinata nel suo villaggio d'origine nell'estate 2015, quando aveva 17 anni, da una donna che le aveva prospettato la possibilità di lavorare all'estero. Poco dopo era cominciato il 'viaggio della speranza' attraverso Niger e Libia, dove era finita in una 'connection house' insieme ad altre ragazze in attesa di essere smistate. Aveva proseguito su un barcone per la Sicilia, poi in treno fino in Emilia. Nelle prime fasi aveva subito il rito 'juju' ed era stata accompagnata, in motorino e in pullman, dallo stesso Agbai. Il viaggio le era costato 35.000 euro: un debito che ha poi scoperto di dovere ripagare lavorando sui marciapiedi fra Bologna e Modena, nella zona di Lavino. Per due anni ha vissuto a Castelfranco, affidata alle due sorelle che le hanno insegnato 'il mestiere' e incassato tutti i proventi, stimati in circa 30.000 euro in poco più di un anno.


Nello stesso appartamento, a quanto pare, vivevano altre due ragazze nigeriane anch'esse costrette a prostituirsi. Gli investigatori della Mobile hanno evidenziato il ruolo fondamentale delle associazioni di volontari che assistono queste 'schiave bambine', vittime che in molti casi non sono abituate a fidarsi delle forze dell'ordine.