• LOGIN
     

    Autenticazione

    • Utente
    • Password
     

"Come cristiani, non possiamo essere chiusi in noi stessi,
ma sempre aperti agli altri, per gli altri" (Papa Francesco)

Ultime Notizie

I Video di Slaves no More: testimonianze, eventi, la storia dell'Associazione




LIBRI

Corso di formazione
MIGRANTI AMBIENTALI: EQUILIBRI E SQUILIBRI
03 febbraio 2021


 


Non possiamo più indugiare, dobbiamo riflettere e fare
e per fare dobbiamo capire: informarci e formarci…


 


La nostra Casa Comune, la Terra, come la chiama Papa Francesco, è in pericolo. La sopravvivenza del genere umano lo è… La recente pandemia ha messo in evidenza molti aspetti connessi agli squilibri in atto accentuando le forti disuguaglianze, già esistenti, tra Nord e Sud del mondo.
Il movimento che rappresenta un elemento costitutivo dell’esperienza umana ha finito per trasformarsi, nella maggioranza dei casi, in una scelta obbligata come nel caso delle migrazioni dovute a persecuzioni, povertà, violenza, guerra.
Oggi milioni di persone, ogni anno, sono costrette ad abbandonare le proprie case e i propri terreni a causa di una catastrofe di natura ambientale. Ad esempio come conseguenza di eventi catastrofici di breve durata (terremoti, tsunami, eruzioni vulcaniche), come conseguenza di processi ambientali di lungo periodo (siccità, desertificazione, salinizzazione delle acque dolci, innalzamento del livello del mare) o ancora in seguito a conflitti causati dal controllo delle risorse naturali da parte dell’uomo (controllo delle risorse idriche, costruzione di dighe, estrazioni minerarie).
I popoli hanno sempre migrato per cause legate all’ambiente, ma quello che oggi maggiormente preoccupa è la pervasività con cui le popolazioni, soprattutto dei paesi con economie fragili, intraprendono veri e propri esodi per garantirsi la sopravvivenza. La crisi climatica ha non poche ripercussioni sulla società e sull’economia. L’agire umano è influenzato ed influenza l’ambiente: è proprio questa interazione a dar vita ad un processo di trasformazione territoriale che genera milioni di spostamenti.
Contenuti: il corso ha l'obiettivo di offrire una panoramica dei movimenti migratori a livello mondiale, ponendo lo sguardo sul complesso fenomeno delle migrazioni ambientali.
Accanto all’approfondimento con specialisti delle diverse tematiche (biodiversità, cambiamento climatico, religioni, filiera del cibo) verrà dato spazio al racconto di esperienze significative senza trascurare la dimensione etica e spirituale sottesa alle tematiche trattate.
Durante la formazione, alla luce della consapevolezza di una imminente accelerazione del fenomeno sia in ambito internazionale che nazionale, si proporrà una prima riflessione sul tema delle migrazioni ambientali ancora parzialmente marginale all’interno della discussione scientifica.
Destinatari: il corso si rivolge a enti e associazioni che lavorano con il tema delle migrazioni; operatori dell’accoglienza, personale sociosanitario, studenti universitari e ricercatori, neolaureati e giovani professionisti, mondo imprenditoriale profit del terzo settore che lavora nell’ambito dell’economia circolare e delle risorse rinnovabili.



Venerdì 26 febbraio 2021
 


ORE 15.00 - Presentazione del corso
Mirta Da Pra, giornalista e socia fondatrice di Casacomune
ORE 15.15 - Clima, ambiente, migrazioni e crisi
Marco Aime, docente di antropologia culturale presso l'Università di Genova
ORE 16.00 - Iniquità Planetaria, debito ecologico e cultura dello scarto. Laudato si, laudato qui e altrove Luigi Ciotti, presidente di Casacomune, Libera e Gruppo Abele
ORE 16.45 - Pausa
ORE 17.00 - Il clima impazzito: ondate migratorie e conflitti
Antonello Pasini, ricercatore, Istituto sull’Inquinamento Atmosferico (IIA), Consiglio Nazionale delle Ricerche - Roma
ORE 18.00 - Termine lavori
ORE 21.30 - Film con Cinemambiente
a cura di Gaetano Capizzi, direttore Cinemambiente



Sabato 27 febbraio 2021
 


ORE 09.30 - Geopolitica, migrazioni e sistemi agroalimentari
Stefano Liberti, giornalista e scrittore
ORE 10.30 - Un continente giovane e in movimento: cambiamenti antropologici e ragioni del migrare
Mario Giro, docente di Storia delle relazioni internazionali presso l’Università per Stranieri di Perugia
ORE 11.15 - Intervallo
ORE 11.30 – Centro America. La fuga verso il nord
Maria Luisa Gutier, Università di Genova
ORE 13.00 - Pausa Pranzo
ORE 14.30 - Religioni e migranti: l'islam in Europa
Renzo Guolo, docente di sociologia delle culture e sociologia della politica presso l'Università di Padova
ORE 15.15 – Domande
ORE 15.30 – Uccelli migratori ai tempi del cambiamento climatico: problemi e prospettive
Francesco Mezzavilla, biologo e faunista
ORE 16.00 - Domande
ORE 16.15 – Pausa
ORE 16.30 - Gli effetti del cambiamento climatico sulla migrazione femminile in Africa e il ruolo delle donne Susanna Mbiye Diku, ginecologia, presidentessa dell’Associazione Redani-Rete della Diaspora Africana Nera in Italia (da confermare)
ORE 17.15 - Domande
ORE 17.30 - Nuove disuguaglianze: tra commercio globale di rifiuti e guerra dei metalli rari
Marco Trovato, direttore editoriale della rivista Africa
ORE 18.00 - Termine lavori



Domenica 28 febbraio 2021
 


ORE 09.00 - Quali ricadute degli accordi commerciali internazionali sulle migrazioni
Monica Di Sisto, coordinatrice campagne contro il TTIP e trattative Mercosur
ORE 10.00 - Come l’attuale modello di sviluppo incide sulle migrazioni e quali cambiamenti di rotta sono possibili?
Giuseppe De Marzo, economista e coordinatore Rete Numeri Pari
ORE 11.00 - Il ruolo della politica e delle istituzioni: per salvarci tutti insieme
Grammenos Mastrojeni, diplomatico, docente e scrittore. Segretario generale aggiunto dell’Unione per il Mediterraneo
ORE 12.30 - Conclusioni
Marco Aime, docente di antropologia Culturale, Università di Genova
Mirta Da Pra, giornalista e socia fondatrice di Casacomune
ORE 13.00 - Termine lavori




MODALITÁ E CONTRIBUTO D’ISCRIZIONE
• I costi relativi al corso sono: 50 Euro per gli adulti, 25 Euro per i giovani al di sotto dei 26 anni.
Per informazioni rivolgersi alla sede di Casacomune, tel. 011 3841049, mail: casacomune.laudatoqui@gmail.com - fax: 011 3841092.
• Chi desidera la fattura della quota del corso deve chiederla al momento dell’iscrizione inserendo i dati esatti dell’intestazione (nome, cognome, indirizzo completo, codice fiscale, partita iva, ecc.).
• Per gli insegnanti: Casacomune - aps, in collaborazione con l’Associazione Gruppo Abele Onlus, ente accreditato per la formazione presso il MIUR, offre la possibilità agli insegnanti di coprire i costi della quota del corso usando il Bonus di 500 Euro introdotto dalla legge 107/2015 “Buona scuola”.
• È possibile effettuare l’iscrizione al corso attraverso il sito del Gruppo Abele (www.gruppoabele.org) o di Libera (www.libera.it); accedendo alla pagina di Casacomune cliccare sul link “Iscriviti online” e seguire la procedura. Nella stessa pagina internet, è inoltre possibile scaricare la scheda d’iscrizione cartacea da inviare via fax: 011 3841092.
• Il programma potrebbe subire delle minime variazioni.
• Facebook @Casacomune intagram: casa.comune
• Visita il nostro sito www.casacomunelaudatoqui.org


Corso 
Trapani, 91 B - 10141 Torino, Italia - tel. (+39) 011. 3841049 - Fax (+39) 011.3841092 - casacomune.laudatoqui@gmail.com ASSOCIAZIONE CASACOMUNE - APS - P. IVA 12033630018 - C.F. 9784167001