SLAVES NO MORE MAI PIÙ SCHIAVE

 

ASSOCIAZIONE CONTRO LE VIOLENZE SULLE DONNE E IL TRAFFICO

DI ESSERI UMANI PER LO SFRUTTAMENTO LAVORATIVO E SESSUALE 

 

COMUNICATO 25 NOVEMBRE 2013

GIORNATA INTERNAZIONALE

PER L'ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA SULLE DONNE

  

Più di cento Paesi sono tuttora privi di una legislazione specifica contro la violenza domestica e più del 70 per cento delle donne nel mondo sono state vittime nel corso della loro vita di violenza fisica o sessuale da parte di uomini. È il drammatico quadro che le Nazioni Unite denunciano in vista della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre.

In Italia, si sono registrati oltre 150 “femminicidi” nel corso dell’ultimo anno. E molte altre forme di violenza e discriminazione riguardano il vissuto quotidiano di tantissime donne. Poco però si parla di un altro fenomeno più sommerso, ma altrettanto drammatico: quello della tratta degli esseri umani, specialmente per lo sfruttamento sessuale. Una vera e propria schiavitù contemporanea. Che riguarda milioni di donne in tutto il mondo. E decine di migliaia nel nostro Paese.

L'Associazione Slaves no more è nata un anno fa specialmente per assistere le donne vittime di tratta e per lottare contro ogni forma di violenza, soprattutto quella che schiavizza, annulla la dignità delle persone e porta verso la morte psicologica e fisica. 

Forte del lavoro svolto in questo anno - soprattutto attraverso progetti di protezione delle vittime e di rimpatri assistiti di donne vittime di tratta in Nigeria – Slaves no More vuole unirsi al grido di tutte quelle donne che, nel mondo, subiscono ogni sorta di violenza. Deve esserci un sobbalzo di responsabilità da parte di tutte le Istituzioni perché si adoperino con maggiore incisività nella coscientizzazione dell'opinione pubblica su questo grave crimine contro gran parte dell'umanità e attivino ogni mezzo a loro disposizione per sradicare questo turpe delitto.

 

Suor Eugenia Bonetti, missionaria della Consolate e presidente dell’Associazione Slaves no More ricorda che sono migliaia le donne che vengono violate ogni giorno, trasportate con l'inganno da una parte all'altra del mondo, col solo scopo di soddisfare piaceri sessuali e di permettere facili guadagni a chi organizza questi loschi traffici. «Le autorità di ogni Paese - afferma suor Bonetti - non devono dimenticare che è loro dovere primario la salvaguardia delle persone più vulnerabili. Ma noi tutti, società civile, istituzioni, Chiesa, dobbiamo lavorare per scardinare la cultura dello sfruttamento e della mercificazione del corpo della donna. Solo impegnandoci di più nell’educazione e nella prevenzione potremmo combattere questa orribile schiavitù e restituire giustizia, libertà e dignità alle donne sfruttate. Perché si possa finalmente dire: Mai più schiave!».

 

SLAVES NO MORE onlus

 

Casa di accoglienza Maria Maddalena

Via Falzarego, 20 – 00048 Nettuno (Roma)

Tel./Fax: +39 06.9807871

mail: slavesnomore@libero.it

 

Codice Fiscale / Partita Iva: 97734010586

Banca Popolare Etica - Filiale di Roma

Coord.  IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0156877

L'intervento

di Blessing Okoedion

alla Camera dei deputati

 

Tratta. Okoedion: «Ho superato il passato e trovato il coraggio per raccontare».

Leggi e vedi anche:

Sir, 12.06.2017

L'Osservatore Romano

Missioitalia

Radio Radicale

Suor Rita Giaretta

Casa Rut, Caserta

mons. Raffaele Nogaro

Vescovo emerito, Caserta

RITORNO. E RICOMINCIO

Su Italia Caritas, il reportage sul progetto di rimpatri assistiti di donne nigeriane vittime di tratta di SnM

 

Leggi il commento di

suor Eugenia Bonetti, presidente di Slaves no More

MIGRAZIONI E TRATTA

L'8 FEBBRAIO A MILANO

25 NOVEMBRE 2016

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA

SULLE DONNE

 

Leggi qui la riflessione

di suor Eugenia Bonetti

presidente di Slaves no More

6-12 NOVEMBRE 2016

LE DIECI PROPOSTE ANTI-TRATTA DEI MAGISTRATI

Eco del summit che si è tenuto in Vaticano il 3 e 4 giugno

A PRAYER FOR FREEDOM

UTERI IN AFFITTO

Slaves no More aderisce all'appello contro la schiavitù dell'utero in affitto

Leggi il testo e firma qui

L'articolo di Repubblica e il nostro commento su Avvenire

ANCHE L'EUROPA DICE NO

RROGETTO RIMPATRI

Tornate in Nigeria

tredici donne e dieci bambini

Per conoscere l'avanzamento

del nostro progetto clicca qui

INCUBO PONTE GALERIA

VITTIME DI TRATTA RIMPATRIATE DAL CIE

clicca qui

RAPPORTO USA 2015

SUL TRAFFICO DI PERSONE

REPORTAGE

Human trafficking:

The lives bought and sold

BBC, 28 July Guarda qui

Profughi. Prove tecniche

di integrazione

Jesus, sett. 2015 Guarda qui

ANALISI

Popoli in movimento

Sono 232 milioni i migranti

nel mondo. La maggior parte fugge

da guerre e violenze, oltre che dall'estrema povertà e da politiche irresponsabili. Un esodo senza fine

PRIMO PIANO

Un mondo di schiavi

La tratta di persone prende nuove drammatiche forme e interpella sempre più anche la Chiesa. Grazie a Papa Francesco, ma anche a tante religiose che operano con le vittime

Scrivici: slavesnomore@libero.it