SLAVES NO MORE MAI PIÙ SCHIAVE

 

ASSOCIAZIONE CONTRO LE VIOLENZE SULLE DONNE E IL TRAFFICO

DI ESSERI UMANI PER LO SFRUTTAMENTO LAVORATIVO E SESSUALE 

 

COMUNICATO 21 SETTEMBRE 2013

A SUOR EUGENIA IL PREMIO CITTADINO EUROPEO

 

«Grazie a questo premio possiamo ancora una volta far emergere la piaga della tratta di persone e trovare insieme – istituzioni governative, religiose, pubblico e privato – strategie nuove per rispondere positivamente a questa schiavitù del nostro secolo». È questa la motivazione con cui il Parlamento europeo ha selezionato suor Eugenia Bonetti, missionaria della Consolata, Presidente dell’associazione Slaves No More e coordinatrice Ufficio “Tratta donne e minori” dell'USMI come vincitore del Civi Europaeo Premium. 

«Un riconoscimento che non va solo a me, ma a tutte le religiose e i laici che da molti anni condividono con me questo cammino di lotta contro la tratta di esseri umani e soprattutto di restituzione della dignità e della libertà a tante vittime», commenta suor Eugenia. 

Non è il primo importante riconoscimento quello che la religiosa ha ricevuto venerdì scorso a Firenze, presso la sede degli archivi storici dell’Unione Europea di Villa Salviati – e che le sarà nuovamente attribuito durante la sessione solenne del Parlamento europeo il 16 e il 17 ottobre a Bruxelles. 
In passato, era stata nominata dal presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi Commendatore della Repubblica italiana e per ben due volte aveva ottenuto un’onorificenza da parte del Dipartimento di Stato americano, proprio per la sua instancabile lotta contro le moderne schiavitù, in particolare la tratta di esseri umani per lo sfruttamento lavorativo e sessuale. 

Suor Eugenia Bonetti, dopo 24 anni di missione in Africa, ha saputo rispondere, qui in Italia, alla difficile sfida di togliere dalle strade migliaia di ragazze trafficate e costrette a prostituirsi, creando una rete di associazioni, parrocchie, Caritas e case di accoglienza, che in vent'anni di lavoro hanno ridato un futuro a migliaia di donne immigrate ridotte in schiave. 

«Le religiose italiane – precisa suor Eugenia – sono state tra le prime in Italia a leggere il fenomeno della tratta per sfruttamento sessuale e a carcere di dare risposte concrete, offrendo ospitalità nelle proprie case e proponendo cammini di integrazione nella nostra società. Oggi, nel nostro Paese, ci sono circa 250 religiose di 80 diverse congregazioni che operano in questo ambito. Inoltre, attraverso l’associazione Slaves no more abbiamo avviato un progetto di rimpatri assistiti che permettono ad alcune donne nigeriane vittime di tratta di tornare a casa con dignità e di reinserirsi attraverso un percorso socio-lavorativo. È dunque un grande onore per me ricevere questo riconoscimento proprio perché lo condivido con tutte le religiose e le donne con cui abbiamo percorso questo lungo, difficile ma anche esaltante cammino». 

Per l'edizione 2013 la Giuria ha selezionato 43 vincitori europei di cui tre italiani. Oltre a suor Bonetti, sono stati premiati Antonio Mumolo, Presidente dell'Associazione “Avvocato di strada Onlus” e Daniel Vogelmann, della casa editrice ebraica Giuntina di Firenze.

 

Firenze, 21 settembre 2013

 

SLAVES NO MORE onlus

 

Casa di accoglienza Maria Maddalena

Via Falzarego, 20 – 00048 Nettuno (Roma)

Tel./Fax: +39 06.9807871

mail: slavesnomore@libero.it

 

Codice Fiscale / Partita Iva: 97734010586

Banca Popolare Etica - Filiale di Roma

 

Coord.  IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0156877

L'intervento

di Blessing Okoedion

alla Camera dei deputati

 

Tratta. Okoedion: «Ho superato il passato e trovato il coraggio per raccontare».

Leggi e vedi anche:

Sir, 12.06.2017

L'Osservatore Romano

Missioitalia

Radio Radicale

Suor Rita Giaretta

Casa Rut, Caserta

mons. Raffaele Nogaro

Vescovo emerito, Caserta

RITORNO. E RICOMINCIO

Su Italia Caritas, il reportage sul progetto di rimpatri assistiti di donne nigeriane vittime di tratta di SnM

 

Leggi il commento di

suor Eugenia Bonetti, presidente di Slaves no More

MIGRAZIONI E TRATTA

L'8 FEBBRAIO A MILANO

25 NOVEMBRE 2016

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA

SULLE DONNE

 

Leggi qui la riflessione

di suor Eugenia Bonetti

presidente di Slaves no More

6-12 NOVEMBRE 2016

LE DIECI PROPOSTE ANTI-TRATTA DEI MAGISTRATI

Eco del summit che si è tenuto in Vaticano il 3 e 4 giugno

A PRAYER FOR FREEDOM

UTERI IN AFFITTO

Slaves no More aderisce all'appello contro la schiavitù dell'utero in affitto

Leggi il testo e firma qui

L'articolo di Repubblica e il nostro commento su Avvenire

ANCHE L'EUROPA DICE NO

RROGETTO RIMPATRI

Tornate in Nigeria

tredici donne e dieci bambini

Per conoscere l'avanzamento

del nostro progetto clicca qui

INCUBO PONTE GALERIA

VITTIME DI TRATTA RIMPATRIATE DAL CIE

clicca qui

RAPPORTO USA 2015

SUL TRAFFICO DI PERSONE

REPORTAGE

Human trafficking:

The lives bought and sold

BBC, 28 July Guarda qui

Profughi. Prove tecniche

di integrazione

Jesus, sett. 2015 Guarda qui

ANALISI

Popoli in movimento

Sono 232 milioni i migranti

nel mondo. La maggior parte fugge

da guerre e violenze, oltre che dall'estrema povertà e da politiche irresponsabili. Un esodo senza fine

PRIMO PIANO

Un mondo di schiavi

La tratta di persone prende nuove drammatiche forme e interpella sempre più anche la Chiesa. Grazie a Papa Francesco, ma anche a tante religiose che operano con le vittime

Scrivici: slavesnomore@libero.it