Incontro con Papa Francesco

Venerdì mattina, 20 settembre, puntualissime alle 6,30 un gruppetto di quattro religiose di diverse congregazioni e nazionalità, piene di stupore e di emozione, si sono ritrovate al cancello principale del Vaticano che porta a Casa Santa Marta, pronte ad accedere alla cappella dove Papa Francesco avrebbe celebrato l’Eucaristia quotidiana. In quella giornata era prevista la presenza di un centinaio di persone, in gran parte membri di una delegazione dell’Honduras che accompagnava il Presidente in visita ufficiale.

Il nostro gruppetto era composto da:

Suor Rita Giaretta, Orsolina di Vicenza, che opera dal 1995 in una casa di accoglienza a Caserta, Casa Rut, per il recupero di centinaia di donne e bambini.

Suor Maria Martinas, rumena, delle Suore della Provvidenza, che incontra sulla strada di notte, con altri operatori della parrocchia di san Frumenzio, le ragazze immigrate, specialmente rumene e visita ogni sabato il Cie di Ponte Galeria.

Suor Monica Chikwe, nigeriana, delle Suore Ospedaliere della Misericordia, che si occupa in modo particolare dei progetti di rimpatri assistiti, finanziati dalla Cei, per donne vittime di tratta che scelgono di rientrare nel loro Paese in modo dignitoso.

Suor Eugenia Bonetti, Missionaria della Consolata, dal 2000 responsabile dell’Ufficio “Tratta donne e minori” dell’USMI Nazionale e presidente della nuova Associazione “Slaves No More”.

Mentre arrivavano gli ospiti di quella giornata, certamente indimenticabile per tutti, anche noi ci siamo messe in fila per entrare e prendere il nostro posto. Tutto era programmato e ordinato. Mons. Scotti mi chiede se potevo leggere la prima lettura. Ben volentieri ho accettato. «L’avidità del denaro è la radice di tutti i mali» era il tema della lettera di Paolo a Timoteo, molto ben commentata e riportata nel presente da Papa Francesco nella sua omelia, una vera catechesi quotidiana con spunti di riflessione e attualizzazione della Parola di Dio.

Durante l’Eucaristia ho ricordato, pregato e affidato al Signore tutte le intenzioni che mi sono state raccomandate da tante persone, nonché quelle che mi porto nel cuore per il nostro servizio e per le necessità quotidiane a contatto con tante persone ferite e umiliate. Al termine della Messa, tutti attendevano in silenzio l’incontro personale con il Papa.

Noi, essendo una piccola delegazione - ma rappresentando la triste realtà della tratta di esseri umani in tutti i suoi aspetti di sfruttamento ma anche di recupero - abbiamo chiesto di essere le ultime per poterci soffermare più a lungo con il Pontefice. Volevamo esprimergli prima di tutto la nostra riconoscenza, nonché quella di tutte le religiose che operano in questo delicato settore, per la sua attenzione a quanti vivono alle periferie esistenziali della nostra società del benessere, tra cui donne e minori in vendita.

Coscienti di avere poco tempo, avevamo fatto avere precedentemente al Papa una lettera, in cui abbiamo presentato i nostri ruoli e servizi specifici, che abbracciano le varie realtà nel campo della tratta di esseri umani, specialmente di donne e minori per sfruttamento sessuale. Il nostro intento era di presentare al Pontefice il complesso e prezioso lavoro di 250 suore di 80 Congregazioni femminili che da anni cercano di dare risposte a queste nuove forme di schiavitù.

Dopo il saluto cordiale e la presentazione, abbiamo fatto dono a Papa Francesco di un nuovo opuscolo a lui dedicato: “Dietro le sbarre. Dieci anni di presenza delle religiose nel Centro di identificazione ed espulsione di Ponte Galeria”. Il volumetto racconta in modo particolare il servizio di 60 religiose di 27 nazionalità e 28 Congregazioni che si sono susseguite dal 2003 a oggi in questo ministero di misericordia e consolazione. Insieme all’opuscolo, abbiamo offerto al Papa un grande cartellone preparato realizzato dalle donne attualmente detenute nel Cie di Ponte Galeria con le loro foto e le loro firme. E soprattutto con una grande scritta: “Grazie Papa Francesco per il dono che sei per noi”. Grande è stata l’attenzione del Pontefice in particolare per il dono semplice ma significativo delle donne cinesi, che hanno realizzato un piccolo tappetino bianco e blue, usando striscioline di lenzuola di carta e una forchetta di plastica adattata come uncinetto.

Anche suor Rita, a nome delle donne di Casa Rut di Caserta, ha portato doni confezionati dalla cooperativa neWhope,insieme alle lettere scritte al Papa dalle stesse donne. Non sono mancate le foto ricordo che faremo avere sia alle nostre donne di Ponte Galeria così come a tutte le altre accolte nelle nostre comunità, a testimonianza dell’attenzione e del ricordo del Papa, specialmente per chi ha vissuto lo sfruttamento e l’umiliazione, ma ha trovato anche l’aiuto e la forza per il recupero della propria dignità, libertà e legalità.

Al termine abbiamo rivolto a Papa Francesco una richiesta accorata, che ci sta particolarmente a cuore. Abbiamo presentato al Papa la nostra difficoltà di trovare aiuto e sostegno a volte anche nella Chiesa stessa, nelle Parrocchie, nonché da parte delle congregazioni maschili, che non hanno ancora assunto il loro ruolo specifico aiutando, formando e informando i fedeli sulla tratta di esseri umani, specialmente di donne e minori sfruttati e umiliati per la richiesta di sesso a pagamento.

Infatti, sono proprio i clienti/consumatori, al 90 per cento  (sedicenti) cattolici, che sostengono e alimentano la tratta e i trafficanti e i loro ingenti guadagni. Il Papa ha ascoltato con attenzione e ci ha incoraggiati a continuare nel nostro servizio.

Infine, abbiamo espresso un desiderio che ci sta particolarmente a cuore, quello di indire e celebrare ogni anno in tutta la Chiesa universale una Giornata di preghiera e riflessione contro la tratta di esseri umani, i nuovi schiavi del nostro secolo. La nostra proposta è che questa Giornata possa coincidere con la festa di Santa Giuseppina Bakhita, patrona di tutti gli schiavi di ieri e di oggi. Papa Francesco ha colto con particolare attenzione questa richiesta, informandosi sulla data di tale festa che si celebra l’8 febbraio. Ci auguriamo di cuore che la nostra richiesta possa trovare non solo attenzione, ma diventi anche fattibile, magari iniziando nel 2014.

Non poteva mancare una foto ufficiale di tutto il gruppo al termine dell’incontro. Alla nostra richiesta Papa Francesco prontamente e argutamente dice: «Ma sono dieci minuti che stanno facendo foto! E voi ne volete un’altra?».

Quell’ultima foto desidera essere simbolicamente un segno di comunione con tutte le religiose che operano in questo servizio, fatto anche a nome delle nostre Congregazioni e della Chiesa tutta. Ma vuole essere pure un segno di collaborazione con tutte le persone che in tanti modi ci sostengono in questo servizio fatto alla “Carne di Cristo".

 

 

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Chelsey Didonna (domenica, 05 febbraio 2017 11:34)


    Heya i am for the primary time here. I found this board and I in finding It really helpful & it helped me out much. I'm hoping to provide something back and help others like you helped me.

  • #2

    Isela Chaudhry (domenica, 05 febbraio 2017 17:22)


    I do not know whether it's just me or if everyone else experiencing issues with your website. It appears as if some of the text in your content are running off the screen. Can someone else please provide feedback and let me know if this is happening to them as well? This might be a problem with my internet browser because I've had this happen before. Cheers

  • #3

    Dewey Magby (domenica, 05 febbraio 2017 18:18)


    I'm really enjoying the theme/design of your web site. Do you ever run into any web browser compatibility issues? A couple of my blog audience have complained about my website not operating correctly in Explorer but looks great in Opera. Do you have any advice to help fix this issue?

  • #4

    Landon Drewes (martedì, 07 febbraio 2017 03:57)


    You have made some good points there. I checked on the internet for more information about the issue and found most individuals will go along with your views on this website.

  • #5

    Ji Pasko (giovedì, 09 febbraio 2017 23:15)


    I like the helpful information you provide in your articles. I'll bookmark your blog and check again here frequently. I am quite certain I'll learn many new stuff right here! Good luck for the next!

  • #6

    Chrystal Levell (venerdì, 10 febbraio 2017 05:05)


    Hello! This is my first visit to your blog! We are a team of volunteers and starting a new project in a community in the same niche. Your blog provided us useful information to work on. You have done a outstanding job!

L'intervento

di Blessing Okoedion

alla Camera dei deputati

 

Tratta. Okoedion: «Ho superato il passato e trovato il coraggio per raccontare».

Leggi e vedi anche:

Sir, 12.06.2017

L'Osservatore Romano

Missioitalia

Radio Radicale

Suor Rita Giaretta

Casa Rut, Caserta

mons. Raffaele Nogaro

Vescovo emerito, Caserta

RITORNO. E RICOMINCIO

Su Italia Caritas, il reportage sul progetto di rimpatri assistiti di donne nigeriane vittime di tratta di SnM

 

Leggi il commento di

suor Eugenia Bonetti, presidente di Slaves no More

MIGRAZIONI E TRATTA

L'8 FEBBRAIO A MILANO

25 NOVEMBRE 2016

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA

SULLE DONNE

 

Leggi qui la riflessione

di suor Eugenia Bonetti

presidente di Slaves no More

6-12 NOVEMBRE 2016

LE DIECI PROPOSTE ANTI-TRATTA DEI MAGISTRATI

Eco del summit che si è tenuto in Vaticano il 3 e 4 giugno

A PRAYER FOR FREEDOM

UTERI IN AFFITTO

Slaves no More aderisce all'appello contro la schiavitù dell'utero in affitto

Leggi il testo e firma qui

L'articolo di Repubblica e il nostro commento su Avvenire

ANCHE L'EUROPA DICE NO

RROGETTO RIMPATRI

Tornate in Nigeria

tredici donne e dieci bambini

Per conoscere l'avanzamento

del nostro progetto clicca qui

INCUBO PONTE GALERIA

VITTIME DI TRATTA RIMPATRIATE DAL CIE

clicca qui

RAPPORTO USA 2015

SUL TRAFFICO DI PERSONE

REPORTAGE

Human trafficking:

The lives bought and sold

BBC, 28 July Guarda qui

Profughi. Prove tecniche

di integrazione

Jesus, sett. 2015 Guarda qui

ANALISI

Popoli in movimento

Sono 232 milioni i migranti

nel mondo. La maggior parte fugge

da guerre e violenze, oltre che dall'estrema povertà e da politiche irresponsabili. Un esodo senza fine

PRIMO PIANO

Un mondo di schiavi

La tratta di persone prende nuove drammatiche forme e interpella sempre più anche la Chiesa. Grazie a Papa Francesco, ma anche a tante religiose che operano con le vittime

Scrivici: slavesnomore@libero.it