• LOGIN
     

    Autenticazione

    • Utente
    • Password
     

"Come cristiani, non possiamo essere chiusi in noi stessi,
ma sempre aperti agli altri, per gli altri" (Papa Francesco)

Ultime Notizie

I Video di Slaves no More: testimonianze, eventi, la storia dell'Associazione




LIBRI

Blessing al Sinodo dei Giovani
19 marzo 2018


Durante il Sinodo dei Giovani, che si sta svolgendo in questi giorni a Roma, Blessing Okoedion ha partecipato in rappresentanza di tante altre giovani nigeriane, sollevando una questione per Papa Francesco molto importante relativa alla tratta di esseri umani e alla prostituzione delle giovani donne sulle nostre strade.



 
Questa è la domanda che Blessing ha rivolto a Papa Francesco:


"Mi chiamo Blessing Okoedion e sono nigeriana. Quattro anni fa sono arrivata in Italia coinvolta con l'inganno nella tratta degli esseri umani. Un’esperienza drammatica, di totale annullamento delle mia dignità. Ma con la fede in un ‘Dio che non dorme’ ho trovato il coraggio di denunciare e di uscire da quell’inferno.
In una comunità di suore, ho ritrovato la mia resurrezione.
Ma è proprio per questa libertà conquistata che sento forte e faccio mio il grido di aiuto e di liberazione di tante giovani donne mie sorelle, ancora oggi umiliate e schiavizzate sulle nostre strade e mi chiedo: come aiutare i giovani a prendere consapevolezza di questo “crimine contro l’umanità”, come Tu papa Francesco l’ha definito?
Come aiutarli a restare umani e contrastare e vincere una mentalità ‘malata’ che riduce la donna a schiava, a proprietà dell’uomo, a merce o per profitto o per proprio piacere egoistico?
Caro Papa Francesco, quello che più mi inquieta è proprio la domanda, i troppi clienti e molti di questi, come è stato detto, sono cattolici. 
Mi chiedo e ti chiedo, ma la Chiesa, ancora troppo maschilista, è in grado di interrogarsi con verità su questa alta domanda dei clienti?
Può essere credibile nel proporre ai giovani cammini di relazione tra uomo e donna libere e liberanti?"



La risposta di papa Francesco:

“Lottate contro il crimine della prostituzione”.

Il Papa ha poi dialogato con i giovani. Rispondendo alla domanda di una giovane nigeriana sottratta allo sfruttamento, Francesco ha pronunciato parole pesantissime sulla prostituzione. “La tratta è un crimine contro l'umanità. Ma anche servirsi di queste ragazze è criminale” ha detto. “È una mentalità malata, quella che porta a sfruttare la donna. Alcuni governi cercano di fare pagare multe ai clienti. Ma il problema è grave, grave grave. Vorrei che voi giovani lottaste per questo. Se un giovane ha questa abitudine la tagli. Chi fa questo è un criminale. Questo non è fare l'amore, è torturare una donna, è criminale”.



PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE:

Riunione pre-sinodale. Il Papa: giovani troppo spesso soli, ma vanno presi sul serio

In arrivo a Roma la carica dei 300 giovani del pre-Sinodo

Galleria fotografica - Sinodo 2018